PRODOTTI

GPS: il mondo a portata di mano

Non importa che voi siate un appassionato di escursionismo o un trail runner professionista, non importa che sport pratichiate e nemmeno a che livello lo praticate. È ormai innegabile che un GPS portatile faccia parte della dotazione necessaria di ogni sportivo.

Ma quali sono gli elementi da considerare prima dell’acquisto? Quali sono le caratteristiche fondamentali? Quali sono le funzionalità principali da non dimenticare quando si affronta la scelta?

I GPS portatili: caratteristiche e funzionalità

Cominciamo a sottolineare l’importanza del display: è ciò che passa tra l’informazione fornita dal dispositivo e la vostra lettura. È fondamentale che sia sempre leggibile, anche in condizioni di luminosità scarsa o, ancora peggio, eccessiva. Oltre a questo è bene considerare la dimensione (in genere misurata in pollici) e la tipologia: esistono modelli touch screen e modelli a pulsante.

In seguito, a seconda del tipo di attività per la quale il GPS vi serve, bisogna considerare la resistenza alle polveri e all’acqua. A ogni dispositivo viene assegnata una classe di protezione IP (International Protection), rappresentata da un numero a due cifre: la prima cifra (da 0 a 6) indica la resistenza alle particelle solide, la seconda (da 0 a 8) all’acqua.

Un altro elemento che è utile valutare con attenzione è la memoria: ciò che occupa parecchia memoria è la cartografia, quindi se contate di utilizzarla è opportuno verificare che il dispositivo abbia una memoria interna sufficiente oppure la possibilità di estenderla tramite una scheda SD.

Vediamo ora alle funzionalità che riguardano il suo utilizzo vero e proprio, a partire dal tracciamento della posizione, che è la caratteristica che accomuna tutti i dispositivi, nonché la funzione per cui questi sono nati. Un dispositivo GPS utilizza un sistema di rilevamento della posizione che a cadenza regolare (in genere alcuni secondi) registra la posizione dell’individuo, con un margine di errore di qualche metro, che può però aumentare in presenza di edifici alti, pareti rocciose o boschi. Rilevando una serie di posizioni nel tempo e unendole si viene così a costruire un percorso: esso però è solo un’approssimazione della strada che si è compiuta; un’approssimazione più o meno precisa a seconda della frequenza di rilevamento della posizione.

I dispositivi GPS sono spesso dotati dellaltimetro barometrico: esso è utile per rilevare il dislivello compiuto durante un’escursione oppure per registrare il percorso fatto, non solo in termini di spostamento orizzontale ma anche in termini di spostamento verticale.

E la bussola? Ecco un altro elemento utile: meglio se essa funziona con 3 assi, perché a differenza delle bussole a due assi ci permette di non dover mantenere il dispositivo in piano per orientarsi.

La cartografia ci permette invece visualizzare la posizione e le informazioni su una mappa molto più dettagliata rispetto alla semplice topografia. Non tutti i dispositivi la supportano e ricordate che si tratta di una funzionalità che per essere utilizzata ha bisogno molta memoria.

I migliori dispositivi GPS, su Storfit.com!

Un’intera area del menù è stata dedicata a questo genere di prodotti che ormai rappresentano un compagno inseparabile per moltissimi sportivi. Non vi resta quindi che sfogliare il catalogo e scegliere quello che meglio risponde alle vostre specifiche esigenze e ai vostri desideri.

Non dimenticate però che un team di esperti è a disposizione per aiutarvi nella scelta e assistervi durante l’acquisto. Alla prossima uscita!