Tre tipologie di pile da trekking Semplificando il più possibile, potremmo individuare tre tipi di micropile e pile da trekking con caratteristiche e usi diversi ma allo stesso tempo complementari.

Il primo strato, quello più vicino alla pelle, è solitamente sottile, a trama molto aperta, in grado di far passare facilmente il sudore verso l’esterno. Il suo taglio deve essere attillato, per consentire la sovrapposizione di altri strati. Spesso ha collo alto, con cerniera molto profonda sul petto, proprio per consentire la massima ventilazione. Ideale in estate usato da solo, diventa parte della stratificazione a cipolla con climi più freddi;

I pile di spessore intermedio, meglio se tagliati un po’ più ampi e con cerniera integrale, sono ideali per apportare più calore nelle giornate più fredde, sovrapposti al primo strato leggero. Un po’ più ingombranti nello zaino, spesso sono dotati di cappuccio per aumentare il loro livello di protezione. In questi capi sono spesso presenti utili tasche con chiusura a cerniera;

In caso di grandi freddi potremo utilizzare pile dallo spessore importante. Un capo del genere è da consigliare per lunghi trekking in zone fredde e umide (Norvegia, Islanda) dove una riserva di calore ulteriore, anche quando si cammina, è fondamentale.

Per sua costruzione un capo in pile è poco resistente all’aria, ragione per cui l’evoluzione ha portato ad accoppiare sottili membrane antivento e traspiranti, al tessuto “peloso” per aumentare il suo potere isolante in caso di vento forte. Giocoforza, un capo così isolato sarà meno traspirante e più adatto ad attività a basso sforzo fisico. Ultimo, ma non l’ultimo è il gilet di pile. In tutti i pesi e spessori è funzionale per aggiungere calore e protezione e molto comprimibile nello zaino.

Ovviamente le proprietà igroscopiche e traspiranti del pile sintetico saranno apprezzate solo ed esclusivamente se avremo l’accortezza di utilizzare a pelle una maglietta in materiale tecnico, traspirante e di rapida asciugatura. Avremo così creato una stratificazione ideale al trasporto del sudore verso l’esterno, condizione ideale di comfort in ambiente freddo.

0

Start typing and press Enter to search